Diminuisci la dimensione del carattere Aumenta la dimensione del carattere    Ripristina la dimensione del carattere

Avviso al personale del comparto sanità con rapporti di lavoro a tempo indeterminato - Permessi "Diritto allo studio" per l'anno 2018

In applicazione dell'art. 22 del C.C.N.L. del 20.09.2001 Integrativo del C.C.N.L. del  07.04.1999 del Comparto Sanità il quale prevede:

  • al comma 1 che ai dipendenti con rapporto di lavoro a tempo indeterminato sono concessi - anche in aggiunta alle attività formative programmate dall'azienda - appositi permessi retribuiti, nella misura massima di 150 ore individuali per ciascun anno e nel limite massimo del 3% del personale in servizio a tempo indeterminato presso ciascuna azienda all'inizio di ogni anno, con arrotondamento all'unità superiore;
  • al comma 2 che i permessi sono concessi per la partecipazione a corsi destinati al conseguimento di titoli di studio universitari, post-universitari, di scuole di istruzione primaria, secondaria e di qualificazione professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o, comunque abilitate al rilascio di titoli di studio legali o attestati professionali riconosciuti dall'ordinamento pubblico nonché per sostenere i relativi esami.

Il personale dell’INMP con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, appartenente al Comparto Sanità, che intenda avvalersi del diritto allo studio, di cui all'art. 22 sopra citato, nella forma di permessi straordinari retribuiti durante l'anno 2018 (per l'anno accademico 2017/2018), dovrà far pervenire alla U.O.C. Gestione del personale e affari amministrativi  apposita domanda entro e non oltre il giorno 31 gennaio 2018 come da modello allegato, completa della relativa documentazione.

Non si terrà conto di domande tardive.

La concessione dei permessi retribuiti verrà effettuata con le modalità previste dal richiamato articolo 22.

L'applicazione dei criteri di ripartizione e la eventuale graduatoria, formano oggetto di deliberazione del Direttore Generale.

In sede di verifica, qualora si accerti la sussistenza di situazioni difformi da quelle che hanno dato diritto al beneficio, ovvero qualora il dipendente non abbia prodotto idonea documentazione probatoria, i permessi già utilizzati saranno considerati quali aspettativa per motivi personali o, a domanda, come ferie, fatta salva la valutazione sulla procedibilità di provvedimenti disciplinari attesa l'assenza ingiustificata.

Scadenza termini: 31.01.2018

Documenti da scaricare:

Schema di domanda.doc  (846,00 kB)