Diminuisci la dimensione del carattere Aumenta la dimensione del carattere    Ripristina la dimensione del carattere
Barra loghi progetto - Ministero del lavoro / PON Inclusione
Barra loghi progetto - UNAR
Barra loghi progetto - INMP
Progetto Salute RSC
 

---------- Scheda progetto ----------

Titolo del progetto: Progetto Salute – Promozione di strategie e strumenti per l’equità nell’accesso all’assistenza sanitaria di Rom, Sinti e Caminanti

Amministrazione beneficiaria
UNAR - Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza e sull’origine etnica, Dipartimento per le Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Referente istituzionale: Dott. Roberto Bortone.

Soggetto attuatore
INMP - Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e per il contrasto delle malattie della Povertà.
Referente istituzionale e coordinatore scientifico del progetto: Dott. Giovanni Baglio.

Programma di riferimento
PON Inclusione 2014-2020, Asse 3: Sistemi e modelli di intervento sociale, Priorità di investimento: 9ii - L'integrazione socioeconomica delle comunità emarginate quali i Rom. Obiettivo specifico 9.5 “Riduzione della marginalità estrema e interventi di inclusione a favore delle persone senza dimora e delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti (RSC)”- Azione 9.5.3 “Sperimentazione e sviluppo dei servizi di prevenzione sanitaria e dell’accessibilità”.

Data di conclusione: Dicembre 2020

Finalità e obiettivo generale del progetto   
Favorire l’acquisizione da parte delle Aziende sanitarie territoriali di conoscenze e competenze a sostegno dell’implementazione del “Piano d’azione salute per e con le comunità Rom, Sinti e Caminanti”, in un’ottica di equità nell’accesso alle opportunità di prevenzione e di cura offerte dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

Obiettivi specifici del progetto

  1. Sviluppare e validare strumenti informativi per l’orientamento ai servizi sociosanitari e materiali per attività di educazione alla salute in favore dei gruppi hard-to-reach.
  2. Sostenere l’utilizzo di mediatori/facilitatori RSC in sanità.
  3. Diffondere la cultura della Sanità Pubblica di Prossimità (SPP) per la presa in carico dei gruppi hard-to-reach, con particolare riferimento alle popolazioni RSC.
  4. Supportare l’implementazione locale del Piano d’azione salute RSC, mediante l’elaborazione di protocolli aziendali.