Diminuisci la dimensione del carattere Aumenta la dimensione del carattere    Ripristina la dimensione del carattere

Presentazione del libro “A Sud di Lampedusa” di Stefano Liberti

A sud di Lampedusa - loc

Aula Agostini, Ospedale San Gallicano
Roma, Via di San Gallicano 25/a, ore 12,30
21 Dicembre 2009

L’Istituto Nazionale per la promozione della salute delle popolazioni Migranti e il contrasto delle malattie della Povertà è lieto di poter presentare, Lunedì 21 Dicembre alle ore 12,30, presso l’Aula Agostini dell’Ospedale San Gallicano, il libro “A Sud di Lampedusa - Cinque anni di viaggi sulle rotte dei migranti” scritto da Stefano Liberti ed edito dalla Minimum Fax nell’Aprile 2008.
Stefano Liberti, vincitore del Premio giornalistico Marco Luchetta 2008, è uno dei pochissimi giornalisti italiani che da anni seguono gli aspetti meno conosciuti dei movimenti migratori dall'Africa verso l'Europa: tutto ciò che accade a sud di Lampedusa. Senza fidarsi dei luoghi comuni o lasciarsi abbindolare dai proclami sull'integrazione che verrà, ha scelto di esplorare con i propri occhi la «geografia del transito» tra il Sahel e il Maghreb. Ha incontrato migranti che preferiscono chiamarsi avventurieri, politici africani sudditi dei diktat europei, indiani bloccati in mezzo al deserto e piccole città sorte dal nulla: tutta l'infinita umanità che vive attraversando o presidiando confini. Fino a trovare chi non si aspettava: se stesso. Un cittadino bianco di quella stessa Europa che, con le sue politiche, determina come si vive o si muore in Africa. Un reporter per cui il solo modo onesto di documentare è lasciarsi coinvolgere dalle storie in cui si imbatte.
A margine dell’incontro verrà anche mostrato il documentario omonimo girato da Andrea Segre nel deserto del Sahara, in Niger, nel maggio 2006 e realizzato in collaborazione con Stefano Liberti e Ferruccio Pastore. Il documentario "A Sud di Lampedusa" racconta le difficoltà dei viaggi nel deserto e raccoglie le testimonianze dei migranti stagionali arrestati in Libia e abbandonati alla frontiera nigeriana.